lunedì 1 giugno 2009

Non è un belin grande.................. Ma un grande BELINONE!

Checché ne dicano Straker/Zret...
Ecco la vera foto di Wasp (Lisbeth) e del suo amico Plague (Kassovitz e/o ilpeyote e/o Nico e/o Orsovolante e/o quello che vorrà il grandissimo belinone) e speriamo che stavolta ci metta nell'albo degli "infami disinformatori!)



Adesso parliamo di cose serie... beh, insomma...
Causa caccia spietata organizzata dal Super TdC Straker coadiuvato da forze fatte confluire via renault da Nibiru (Zret) e - via mail - dalla Sardegna (Mike detto "u sceccu sardegnolo") e dalla Toscana (Arturo, detto "Puppa"), ho dovuto abbandonare precipitevolissimevolmente (onde evitare ignominiosa cattura e disonore) la mia comodissima sede sanremese, della quale vi ho postato la foto il 30 maggio.
Per fortuna con l'aiuto di Nico e l'intervento di 22 tanker in hovering su Sanremo (che non si sono fatti notare perchè fischiettanti) mi hanno portato in salvo abbastanza lontano... tipo a Bussana...
Sono riuscito a trovare sistemazione in un vecchio rudere residuato dal terremoto (indotto) del 1887 provvisto tuttavia di collegamento internet (tramite la sezione di Capoliveri) e di ogni altro comfort.
Questo per spiegare perché le foto di oggi sono di quelle zone...


La situazione meteo di oggi è stata molto simile a quella di ieri tranne che per il vento a terra quasi inesistente e solo qualche gocciolina d'acqua in serata. La nuvolosità è stata abbastanza movimentata. Le foto danno un'idea della situazione in serata.

Le montagne dietro Taggia - ore 18:38


Castellaro e il suo cielo - ore 18:38


Taggia - ponte "romanico" - ore 18:40


Taggia - dal ponte "romanico" verso il mare - ore 18:40


Cielo su Sanremo, da Taggia - ore 18:45


Taggia vista dal ponte romanico/pedonale verso Castellaro - ore 18:45


Le due seguenti sono vedute di Poggio di Sanremo riprese da Bussana vecchia - ore 19:06

17 commenti:

Skeptic ha detto...

eehhh..............
...................
...................
...................
PRIMOOOOOO!!!!!!!!

Nico ha detto...

Mi scuso con Wasp del ritardo del Rendez Vous per l'estrazione del nostro agente. Non è facile insegnare a fischiettare a 22 tankeroni, soprattutto quando 11 fischiettano in yankee, 5 in russo e 6 in pugliese. E' sicuramente più semplice infilarmi la tuta di pelle umana per trasformarmi in Nico da Francesco Sblendorio.
Oggi sono raggiungibile solo via impianto bioplasmatico Nokia Symbian perchè volo sui cieli di Roma per controllare che qualche tankerenemista non filmi o fotografi i 10 minitanker che uso per rilasciare scie.
Se chiamate ricordate che il codice safety di oggi è:
"Meglio cardi che mais"
ripeto
"Meglio cardi che mais"

Pirata Pantani ha detto...

ma proprio adesso dovevi cambiare postazione? Peccato che da li non vedi Ospedaletti, degli aerei sono appena passati dentro e sotto i cumuli, ad un altezza quantomeno discutibile.
Staremo a vedere chi di competenza cosa avrà da dire :-))

souffle ha detto...

Gli aerei non passano DENTRO ai cumuli, gundùn! Nessun pilota sarebbe mai così autolesionista.
Chiedi cos'avrà da dire "chi di competenza"? E cosa vuoi che dica?
"Pirataaa, PEDALA!" E quando ti senti stanco... PUPPAAAA!

Nico ha detto...

Sarebbe da fargli provare l'ebbrezza di volare dentro una nuvola.. io mi lancio prima..

Pirata Pantani ha detto...

si vede che non siete mai stati su un aereo.
Io da passeggero ci sono stato, quando incontra una nuvola non è che cambia rotta....ci passa semplicemente dentro.
Come passeggero guardando fuori vedi tutto giallo, sono le luci dell'aereo che evidentemente si riflettono sulla nube (era notte inoltrata). Cmq l'aereo nella nube ci è passato eccome....eravamo pure in fase di atterraggio....non ti dico la strizza...belin!!

souffle ha detto...

Te l'hanno mai detto che "nuvola" non è sinonimo di "cumulo"? Voi sciachimisti du belìn siete fatti così: quando imparate una parola nuova ve ne innamorate e non la mollate più: cumulo, geoingegneria, chelante... In aereo c'è salita anche mia nonna, basta pagare il biglietto, ma questo non è sufficiente per sparare sentenze. Te lo ripeto una volta sola: gli aerei non volano nei cumuli congesti come quelli che fate vedere nei vostri video tarocchi. Né in quelli, né ancor meno nei cumolonembi. Vai a pedalare coglione, vai!

Nico ha detto...

Pirata.. persa un'occasione per stare zitto. Sono salito su un aereo la prima volta a 18 mesi. Da allora ho superato le 1000 volte, molte delle quali al posto di guida. Se hai provato strizza in un jetliner in atterraggio (ovvero percorrendo la nuvola da alto a basso quindi per pochissimi secondi) dovresti riflettere cosa significhi restarci dentro, mentre la si percorre per lungo. Le ali perdono portanza perchè si passa da un fluido meno denso ad uno molto denso. Senza contare i motori che non troverebbero aria a sufficienza per la conbustione. E molti di quei video mostrano nuvole da temporare, quindi anche belle cariche di elettrostatica. Una sontuosa alternativa al cilicio.

Ma visto che sei così sincero magari puoi tu fare una cosa interessante. Vai sopra il Bignone a fare foto. Dovrebbero passarti a 300 metri sopra la testa.

Riccardo ha detto...

Oppure, vai in libreria e cercati "straniero alla terra" di Richard Bach. Forse capirai cosa poteva fare un temporale a un F-84F, che magari aveva un rapporto potenza-peso un po' più alto di un aereo di linea.

Per inciso, un attimo fa, mentre lo sfogliavo mi è caduto l'occhio sulla frase "Volare alla quota delle scie di condensazione: questo sì che è un compito facile". Ma allora esistevano anche quando è stato scritto, nel 1963?

Elle ha detto...

Buuuuuh!
Solo gli altri? Voglio che cerchino di scoprire chi sono ioooo! (anche se sono nessuno e non conto niente, ma per loro tanto va bene lo stesso, mi pare di capire...)
Che devo fare?
Apro un blogghettino anche io o basta postare (o meglio, cercare di postare) un commento su Tankerenemy? ^_^

E se mi scoprono davvero? *.*
Fear?

Nico ha detto...

Susu, non ci sono ancora nemmeno io nella lista.. se vuoi faccio sul mio blog una lista degli Eterni Esclusi??? :D

Pirata Pantani ha detto...

@sofficino
Di pedalare non me lo devi dire certo te.....vieni te a pedalare con me se ne hai voglia...
Secondo, potrei essermi certamente sbagliato, non è che sono un metereologo,io.
Per toglierci ogni dubbio, perchè non vai sul mio blog a vedere che tipo di nube era quella dove più di un aereo è passato attraverso stamani sopra Ospedaletti.
Se hai ancora dei dubbi, ho altri 14 filmati girati stamattina (piano piano li posterò, la connessione è quella che è, c mq sono tutti autentici, girati con videocamera canon DC 330, ho ancora i filmati originali i mini DVD, quelli sono un po' difficili da camuffare...mica come certi cornicioni azzurri che ho visto in giro....)
puoi sempre cercarmi su youtube, il nick lì è kpirata78.

@nico
il mio commento non era per rimarcare le mie sensazioni,era solo per dire che per gli aerei è una cosa assolutamente normale passare attraverso le nubi, cumuli o no che siano. Dei fulmini se ne infischiano abbastanza, sono progettati apposta per attraversare zone cariche di corrente elettrostatica, era quell'altro genio che asseriva che era peccato mortale per un aereo entrare in un cumulo, tutto qui, tu stesso con la tua esperienza puoi provare che tuffarsi in una nube per un aereo è una cosa normale.
Anche per te, visto che te ne intendi sicuramente più del sottoscritto,vale l'invito a visionare il mio filmato per vedere che tipo di nube era quella di stamani

saluti

Franco Scarpa

Pirata Pantani ha detto...

@riccardo
certo che esistevano le scie di condensazione nel 1963 anzi, direi che esistevano da molto prima, almeno dalla seconda guerra mondiale che io sappia.
In certi momenti e in certe condizioni "naturalmente", non 365 giorni all'anno e 24 ore su 24 a qualsiasi latitudine.
Per caso, nel libro che stai leggendo, specifica mica dove, quando e a che quota (e magari in che condimeteo)volasse quell'aereo quando volava alle quote delle scie di condensa?

Nico ha detto...

Bhe, se era per quello che lo hai detto, ti aiuto a non fare lo stesso errore in futuro. Gli aerei ci passano tra le nuvole, i piloti cercano di evitarlo. Dici che i fulmini gli fanno un baffo, e ti rispondo che probabilmente l'A330 AirFrance potrebbe essere stato disintegrato da un fulmine. Se c'è una cosa che è indiscutibile è che chi vola conosce ed ha un altissimo rispetto per il clima.. perchè quando saliamo lassù siamo ospiti e sappiamo che ha tutte le potenzialità per distruggerci.
E' lo stesso rispetto che un marinaio ha per il mare..

Riccardo ha detto...

Può darsi, ma il consiglio di leggerti il libro rimane. Impareresti un sacco di cose che evidentemente non sai.

Per inciso, neanche oggi le scie ci sono sempre, tutt'altro. Solo che ci pensi solo quando le vedi. Ma se guardi un filmato timelapse te ne rendi conto.

Riccardo ha detto...

P.S. Giallo? Gli aerei hanno luci verdi, rosse e bianche. Ma gialle? Cos'era, un aereo-attrezzi col lampeggiante?

Pirata Pantani ha detto...

in effetti, ripensandoci bene era più sul bianco l'effetto che la luce dava sulla nube ma non mi sono soffermato molto a (non)vedere fuori......
Quando sbaglio non è un problema x me ammetterlo. (ad esempio giorni fa dissi di aver fotografato un rifornitore, già in un altro post mi sono corretto, vedendo bene l'immagine sul pc si vede che era l'ala in ombra, il piccolo monitor della telecamera mi aveva tratto in inganno) per i fulmini e l'incidente accorso l'altro giorno all'aereo AIR France, al TG Studioaperto di mezzogiorno dicevano che l'ipotesi del fulmine era tra quelle da scartare, più probabile quella del missile o della bomba a bordo, ma erano ancora solo ipotesi, vediamo stasera se ci sono aggiornamenti.
A me pare un film già visto negli anni '80, magari sbaglio, ma la mia impressione è quella