sabato 21 maggio 2011

21-05-2011 - STRAK-QUOIA

SANREMO, sabato 21 maggio 2011

Dal blog dei fulminati:

"Anche gli stronzi tirano le QUOIA" !!!

Straker, ti conviene tornare a SQUOLA!!!


... ma non troppo... visto che il potente mezzo messo in campo per attuare l'operazione è questo:


ovverosia un "rocchetto" avvolgicavo!


Passano gli anni... e peggiora sempre più!

WASP

13 commenti:

Anonimo ha detto...

cosa sono le ultime due immagini?

R.R. Merlin 61 ha detto...

straker anche alle ore 17 era davanti al computer ad aspettare i commenti.
Purtroppo ci ha messo ben 9 minuti per rispondere ad eSSSe, prima ha dovuto pensare a qualcosa di spettacolare, poi gli è venuto il dubbio tra cuoia e quoia, infine ha fatto la conta ed ha vinto quoia.

Ah ah ah, ieri mi sono riletto la vecchia storia del 2008 sul telemetro, che spasso, quelli si che erano bei tempi!!!

Le ultime due immagini sono il risultato della follia spregiudicata di straker che ormai lo ha reso quasi trasparente al mondo dei debunker.
Il suo vomitevole comportamento, che in questo caso riguarda l'accusa di OMICIDIO del padre da parte del proprietario del palazzo adiacente la sua abitazione. L'azione di omicidio si sarebbe concretizzata con l'emissione di microonde assassine tramite le antenne in questione (filmate da straker).
In realtà l'antenna immortalata è un banale ponte radio usato da un provider telefonico o un gestore di comunicazioni wireless.

Tranne sporadici casi (divertenti come questo), ormai straker viene ignorato da tutti, rimangono solo alcuni titoli dei blog.

Anonimo ha detto...

oddio questa è paranoia pura (è assurdo che che possa fingere a tal punto). Preferisco non visitare il suo blog fogna e quindi a volte mi "perdo" queste "perle"

PalleQuadre ha detto...

Le quoia però sono un bene raro e costoso, le voglio anche io!

L'amplificatore di microonde è alla pari dei gigabite di watt...

Povero straker, adesso che gli hanno tolto la pensione del banno e che ha meno caproni al suoi blog, i suoi guadagni devono essere scesi tantissimo

Wasp ha detto...

Confermo quanto detto da R.R. Merlin 61, ma voglio precisare che quell'oggetto indicato da strakkino con freccia gialla nella foto da lui scattata e pubblicata, non è neanche un'antenna da ponte radio ma semplicemente un "rocchetto" portacavo con una corda infilata nel buco centrale e appeso al traliccio delle antenne.
La "bobina" posizionata lì provvisoriamente è stata rimossa al termine dei lavori.
Siccome il tutto è avvenuto durante il periodo del Festival è possibile che si sia trattato di un impianto volante e provvisorio.

La necessità, da parte dello stercorario, di addossare la responsabilità delle peggiorate condizioni del padre e sollevarsi dalle sue PERSONALI responsabilità in merito, lo costringe a trovare il complotto assassino anche in un semplice rotolo di cavo.

Paolo el panza ha detto...

Però l'ignoranza non è prerogativa del solo sterkorarius: provate a mettere "tirare le quoia", con la Q, in google e vi vengono fuori poco meno di 8000 risultati!
Cos'era quella storia del padre "morto di microonde"? Non posso credere che arrivi a tali abissi di sciacallaggine. O-O

Wasp ha detto...

(1) @ Paolo el panza:

Qui tutta la storia:

http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://www.tankerenemy.com/2011/05/il-delitto-corre-sulle-microonde.html

Ecco un estratto:

[cut] … abbiamo il fondato sospetto che nostro padre sia stato, diciamo così... aiutato a morire.

Sul tetto dell'edificio di fronte (sette piani - ora disabitato), a 110 metri di distanza, nel marzo 2005, furono installate due antenne di telefonia mobile. Nel settembre 2005 mio padre cominciò a conclamare disturbi motori per un tumore (glioblastoma IV, causato dai campi magnetici della telefonia mobile), che, però, non gli fu diagnosticato. Infatti, sino a dicembre 2010, tutti pensavamo, a causa di una diagnosi sbagliata dei medici sanremesi, al morbo di Parkinson.


Per 5 anni ha sempre sostenuto che la diagnosi di Parkinson era stata fatta da Lui stesso, e come tale curato senza effettuare altri accertamenti consigliati dai medici. Ora, a disastro avvenuto, cerca di dare la colpa ai medici sanremesi!

(segue)

Wasp ha detto...

(2) @ Paolo el panza:

Una relazione di causa-effetto tra smog elettromagnetico e cancro al cervello intercorre evidentemente. Fatto sta che il nostro babbo conclamò in modo drammatico il tumore all'encefalo, il Glioblastoma IV, solo nell'ottobre 2010.

E, sì! Le bugie vengono a galla prima o poi!

Per cercare di salvarlo, decidemmo il ricovero in un centro specializzato per questo tipo di neuropatie, l'Humanitas.

Alla fine di dicembre 2010 mio fratello ed io iniziammo a concordare telefonicamente il rientro a casa, affinché fosse tutto pronto per la lunga convalescenza di papà a letto.

Il 17 gennaio 2010 il babbo firmò per le dimissioni. Partimmo alla volta di Sanremo dove arrivammo nel tardo pomeriggio.

Papà quella sera cenò nel suo letto, seguì qualche programma in televisione e si addormentò sereno, finalmente era a casa sua, con la famiglia. Ci sembrava di aver toccato il cielo con un dito: pensammo che l'incubo fosse concluso, ma qualcosa di terribile stava per accadere.

Mio padre, tutto sommato, al rientro a Sanremo, era in buone condizioni. Fatto sta che, solo 14 ore circa dopo il nostro rientro a casa, egli subì una gravissima emorragia cerebrale con annesse crisi epilettiche che si protrasero per un'ora.
Caso vuole, una settimana circa prima, sul tetto dello stabile di fronte, era stato aggiunto uno strano apparato, che poi fu, fatto strano, rimosso il giorno successivo al decesso di nostro padre e solo quattro mesi dopo la sua installazione. Si notino il cablaggio avvolto in modo visibilmente provvisorio, il diametro notevole dei cavi e lo strano aspetto e colore dell'"antenna".

Nei giorni immediatamente precedenti al decesso, nostro padre fu colpito da altre due emorragie con crisi epilettiche. Fu la fine. Il 2 aprile entrò in coma ed il 3 aprile 2011, alle ore 23.11, esalò l'ultimo suo respiro.

Ci è stato confermato da diverse fonti "del mestiere" che quel particolare apparato, installato in direzione dei nostri locali d'abitazione per circa 130 giorni ed ora rimosso, è un'apparecchiatura "camuffata" probabilmente con sottile telo che, con molta probabilità è un cosiddetto "quinta banda" e cioè un'attrezzatura militare realizzata ed installata per arrecare danni, mediante fasci di microonde concentrati in una ristretta area. "E' un'antenna con un beam (fascio di emissione) che può variare tra 1 e 2 gradi, a seconda della frequenza di impiego. Di conseguenza a 110 metri di distanza il beam ha un'apertura tale da formare un cerchio elettromagnetico concentrato di circa 3 metri".

In definitiva, si deve pensare che abbiano irradiato in modo indiscriminato l'appartamento ed il più debole (nostro padre) della famiglia ha avuto la peggio.


Visto il chiaro collegamento che esiste tra le microonde e le emorragie cerebrali (oltre che i tumori) e data la strana coincidenza di eventi e fatti relativi alla morte del nostro babbo, la mente va subito ad un amplificatore di microonde. Considerato che ci occupiamo di temi scomodi, propendiamo ad una specie di vendetta trasversale o comunque ad un tentativo di distrarci dalla nostra opera di divulgazione, così come accaduto, in casi luttuosi del tutto assimilabili al nostro, ad altri noti attivisti in questi anni.


NOTA: i nostri numeri telefonici sono sotto controllo e quindi chi di dovere poteva benissimo sapere del mio rientro a casa e predisporsi in modo adeguato.

Skeptic ha detto...

Ma che esseri schifosi bisogna essere per sciacallare sulla morte del proprio padre?

Anonimo ha detto...

come fanno ad esistere persone così?

Anonimo ha detto...

Definire straker un essere putrido è ancora troppo poco.

R.R. Merlin 61 ha detto...

Ops, chiedo scusa,
concordo con Wasp che l'affare marrone ha proprio tutta l'aria di essere un semplice rocchetto montato provvisoriamente per evitare di srotolare tutto il cavo proprio perché deve essere stato un cablaggio provvisorio.
Tra l'altro è direzionato parecchio più in alto rispetto al punto di ripresa, altro che 3 metri!
Se fosse davvero lo strumento partorito dalla psicopatia di straker allora sarebbe stato del tutto inutile per lo scopo.
In realtà ci sono delle antenne del ponte radio, quelle bianche in alto, non sono state incriminate da straker quindi non c'entrano nulla con questa squallida storia.

Rosario, una volta ci facevi divertire, ora sei solo un vergonoso sciacallo senza scrupoli.

Claudio Termografia ha detto...

dimostra sempre di non riuscire a fare una foto decente nemmeno ad un palo fisso ROTFL